25 giugno 2012

Bianca inquina meno il pianeta

La parola spannolinamento non mi è mai piaciuta, e poi con  Luigi non ho avuto bisogno di cercare molto tra blog e siti per genitori per procedere allo svezzamento dal pannolino. Era stato un processo naturale, ai primi tentativi in primavera era seguita di colpo l'emancipazione con i primi caldi e una vacanza al mare. Il pannolino se ne era andato velocemente, senza troppe peripezie.
Memore di questo iter, all'inizio di quest'anno ho provato a fare la stessa cosa con Bianca, su suggerimento incalzante della Pediatra. Ma ben presto ho dovuto tornare sui miei passi, sospendere oni tentativo rimettendo il pannolino a Bianca e quindi interessarmi alla parola "spannolinamento".
E' proprio vero che ogni bambino ha i suoi tempi e che vanno rispettati, sprattutto quando si tratta di svezzamenti. Il secondo tentativo di togliere il pannolino a Bianca è andato infatti a buon fine senza troppi sforzi. Abbiamo approfittato della vacanza al mare, della vita in spiaggia, delle temperature estive... et voilà, il gioco è stato fatto senza più incubi notturni e giornate di preoccupanti pipì-stop dovuti alla confusione più totale della piccola di fronte a qualcosa che non era ancora in grado di gestire. E così anche la mamma ora si sente più green, a non buttare più nel cestino dell'indifferenziato quegli insostenibili pannolini!

19 giugno 2012

Bambini e lingue straniere: Dora e Diego

Grazie al progetto Universal a cui prendo parte, ho avuto modo con le altre mamme del Mamma Blogger Club di seguire online una breve ma intensa discusione sull'apprendimento della lingua inglese da parte dei bambini in età prescolare.
Di fatto, Universal ci ha invitate a guardare alcuni episodi dei cartoni animati Dora e Diego (cosa che viene bene in casa nostra, piacciono molto sia a Bianca sia a Luigi che hanno apprezzato l'invio di entrambi i dvd) e poi a interloquire con una specialista dell'insegnamento dell'inglese ai bambini.
Dora e Diego sono due cugini che vivono in un mondo fatto di natura, animali da salvare, regni lontani, draghi e cristalli. Compiono in ogni episodio delle azioni di salvataggio e lo fanno invitando i bambini a partecipare alle loro avventure. I piccoli spettatori sono chiamati dunque a interagire, parlando e ripetendo delle piccole frasi/parole in inglese oppure compiendo delle azioni.
C'erano due cose che mi sfuggivano. La prima: l'invito da parte dei due piccoli ai bambini non solo a ripetere parole in un idioma diverso ma anche a compiere dei movimenti. La seconda: la pronuncia molto latina di Diego. Ho ottenuto spiegazioni a entrambe le mie curiosità.
Il movimento nei bambini consolida l'apprendimento, questo il motivo per cui in alcuni momenti Diego e Dora si rivolgono ai piccoli spettatori e chiedono loro di remare, fingere di volare... Queste osservazioni sono frutto di ricerche nel campo delle neuroscienze e si ritrovano anche nella cosiddetta "braingym", metodo utilizzato nelle scuole anglosassoni per agevolare la concetrazione, l'apprendimento, il rendimento sportivo. Insomma, ho avuto conferma che il cervello funziona meglio se siamo in movimento e che questo vale anche per i bambini.
Quanto alla pronuncia di Diego, è volutamente latina per via del bacino di utenza di questo cartone animato. Così almeno credo di aver capito, perché mi fa strano che nel momento in cui si insegna l'inglese non si tenti anche di insegnarlo con la giusta pronuncia.

13 giugno 2012

#mammacheblog: date alle donne occasioni adeguate...

Sabato c'ero anche io al MammaCheBlog, il grande raduno che ha visto partecipare 230 mamme blogger. Certo, lavorando nell'organizzazione e facendo da "scribacchina" dell'evento (guarda qui!) la mia attvità di networking è stata abbastanza limitata, ma esserci in qualità di ascoltatrice e osservatrice è stato comunque molto stimolante.
Interessanti i MomTalk, le conferenze a tema: le mamme blogger hanno alzato le antenne alle parole di Luigi Centenaro, guru del personal brandig, si sono accalorate sul tema del guadagno attraverso i blog e il rapporto con le aziende (dibattito che sta proseguendo online) e si sono coinvolte quando l'argomento toccato sono stati i figli e il loro uso della rete. Direi che il tempo in cui parlavano di "cacche e pannolini" è decisamente superato.
Ma aldilà dei contenuti, provo sempre un gran piacere quando vedo tante donne PARTECIPARE, numerose, determinate e propositive. La considerazione, però, è che ciò accade se si offrono loro le condizioni adatte, soprattutto se sono mamme: fasciatoi, pappe, scaldabiberon, ma anche junior club e animazione per i bambini al seguito (a onor del vero sabato c'erano anche tanti papà solidali) in modo che possano dedicarsi con serenità a seguire un dibattito, a promuovere loro stesse e le loro idee e a fare networking. E se poi ogni tanto una carrozzina o un bambino compaiono in sala conferenze per un abbraccio alla mamma o una poppata, niente di strano!
Riflessioni banali, ma che nel nostro paese ancora non si fanno, per continuare stupiti a rilevare che le donne italiane partecipano poco alla vita pubblica e politica. Oscar Wilde diceva "Date alle donne occasioni adeguate ed esse potranno fare tutto". A distanza di cento e più anni dico che è vero e che la rete probabilmente è una delle occasioni più adeguate per le donne e per le mamme. Fuori dalla rete, invece, le occasioni ce le dobbiamo creare e credo che sabato al Quanta ci sia stata un'ottima dimostrazione di mom power!

4 giugno 2012

Body painting

Crayola mi ha inviato a casa una scatola di prodotti da testare con i miei bambini: gli album da colorare con i pennarelli Color Wonder, la pasta da modellare Risodò, delle tempere lavabili e dei grossi gessi colorati.
La prima sera io, Luigi e Bianca ci siamo concentrati sulla pasta da modellare e sui pennarelli carichi di inchiostri speciali e trasparenti (leggi: non macchiano) che colorano solo le pagine di un apposto album. La pasta, nonostante il mio entusiasmo per i pennarelli che non macchiano, ha ottenuto subito più attenzioni: è stata subito mischiata, tirata, un po' modellata e soprattutto spiccicata, un po' sul tappeto di lana a pallini e un po' sui mie jeans. C'è una forte asimmetria tra quanto tengo al mio tavolino vintage e al mio tappeto sardo (entrambi rigorosamente bianchi) e all'uso che consento ai miei figli di farne. Ma che dire, non si pongono limiti alla cratività dei bambini... e poi la pasta in questione è davvero lavabile.
Decisamente minore l'apprensione durante la sperimentazione dei gessi colorati. Questa volta ho approfittato di un week end a casa della nonnna in campagna per lasciare che Bianca e Luigi si sbizzarrissero sul marciapiedi fuori dalla porta della cucina (come del resto facevo io alla loro età). Alla fine, dopo essersi improvvisati "madonnari" (espressione utilizzata da mia madre:-), sono passati al body painting. I gessi in questione sono molto pastosi, per cui erano visibili anche su gambe, piedi e braccia...




Quanto alle tempere lavabili aspetto l'occasione adatta, credo durante le vacanze estive in montagna, nei pressi di qualche bella parete rocciosa con ameno ruscello a fianco.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...