11 marzo 2010

L'ASL e le torte di compleanno

Oggi è il compleanno di Luigi, il terzo.
Per festeggiare durante la merenda di questo pomeriggio la direttrice dell'asilo mi ha chiesto di portare torte e succhi, e si è raccomandata: "Le torte devono essere confezionate, come quelle del Mulino Bianco, che riportano bene tutti gli ingredienti sulla scatola. Dovesse passare l'Asl e trovare i bambini che mangiano torte fatte da voi mamme saremmo nei guai!"

Mi sono attrezzata, e rifiutandomi di comprare le tortine suddette ho optato per quelle fresche di panetteria. Ma per farle passare al controllo della direttrice ho dovuto chiedere al panettiere di timbrare il foglio di carta su cui erano riportati gli ingredienti.

A me questo scrupolo dell'Asl pare un po' eccessivo. Non mi risulta che ai nostri tempi qualche bambino sia mai stato avvelenato da una torta di compleanno "home made". E poi non sono i pediatri italiani quelli che vietano le tanto vituperate "merendine"? Quelli che attribuiscono l'obesità infantile al consumo di prodotti da forno confezionati a base di grassi ignoti e conservanti ?? Quelli che dicono che le mamme nostrane non cucinano più come una volta???

4 commenti:

Fiammetta Spazio Neomamma ha detto...

Ciao!
Anch'io la prima volta che mi è stata spiegata questa cosa l'ho trovata "strana".
Questa regola però vale solo a livello locale (pensio regionale) e non nazionale.
Pensa che nei nidi dell'Emilia Romagna, (dove le nostre educatrici vanno a fare i corsi di aggiornamento...), c'è la giornata dove la nonna va a cucinare per i bimbi il pranzo od un dolce.
Che meraviglia!

noti ha detto...

Non ho parole.Ma in che mondo state crescendo i vostri figli? Chi ha iniziato a dare di matto?

Anonimo ha detto...

Ciao! Sono una mamma ma anche un'educatrice. Sono d'accordo con voi per l'eccesso di scrupolo e anche sul fatto che sono sicuramente più buoni e sani i dolci fatti in casa, ma la spiegazione è la seguente: avere un elenco sicuro degli ingredienti permette di individuare, nel caso in cui il bambino si senta male, eventuali allergie e anche evitare reazioni in bambini con allergie già conosciute (gli ingredienti di una torta casalinga sono sì più genuini ma non sempre rintracciabili). Inoltre tutti i cibi destinati ai bambini sono sottoposti a controlli, ci sono delle procedure particolari e ovviamente queste non sono applicabili ai cibi fatti in casa.
Insomma è anche una sorta di tutela che gli asili applicano per evitare "grane" in quanto hanno la responsabilità di quello che danno ai bimbi. La soluzione potrebbe essere un buon dolce biologico!

littleelo ha detto...

Sì, è tutto vero quello che scrivete, ed è giusto così.
Però mi fa lo stesso impressione, soprattutto se penso a come funzionavano una volta le cose, forse erano un po' più semplici. Ma non bisogna essere nostalgici, farebbe male anche ai nostri figli!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...