31 ottobre 2008

Spiriti buoni


pumpkins
Originally uploaded by the mayfly

Vista così anche la zucca di Halloween può avere il suo fascino...

23 ottobre 2008

Nel tunnel di ShopStyle

La collega Galax mi ha fatto conoscere questo sito. Mi sono registrata e ho iniziato a navigare tra abiti, scarpe, borse, gioielli, tovaglie, giochi per bambini. Adesso non riesco più ad uscire dal tunnel dello stylebook...
Charlotte Russe at ShopStyle

20 ottobre 2008

Facebook: come lo uso

Mi sono iscritta a Facebook circa un anno e mezzo fa, su invito di mio cugino che lavora tra Algeri e Londra. Mi era sembrato uno strumento carino per tenersi aggiornati e in contatto con gli amici lontani. A mia volta quindi ho invitato fratelli, sorelle e amiche che se ne stanno all'estero a iscriversi; alcuni hanno accettato, altre hanno fatto finta di niente. Ho iniziato a caricare foto di Luigi per tenerli aggiornati sulla sua crescita.

In questa prima fase in realtà non capivo molto a cosa servisse Facebook, se non ad accumulare punti con il giochino dei Vampiri. Cercavo senza molto successo vecchi compagni del liceo, dell'università e amici di vecchia data.

Quando sono rientrata in ufficio (circa un anno fa) ho inizato a spedire inviti ai colleghi (attuali ed ex). E' iniziata la fase Gruppi: vuoi aderire a Gli amici di l'Aura? Certo, mi piace, ma non capivo cosa seguisse alla sottoscrizione. Intanto il mio network si ampliava, e io ancora non riuscivo a prefigurarmi a cosa mi potesse servire.

Da qualche mese "i miei contatti " hanno iniziato ad aggiornarmi con una frequenza preoccupante su quello che stanno facendo in quell'esatto momento, modello Twitter. In compenso stanno smettendo di tempestarmi di richieste per installare applicativi che visualizzano Barbapapà, cappuccini di Starbucks, calendari dell'avvento e simili sulla mia bacheca.

Da circa un mesetto anche la mia città, Bergamo, ha scoperto Facebook. Sono arrivati circa una trentina di contatti. I più attivi sono i gruppi e gli attivisti PD. Nel frattempo anche il vecchio comitato dei pendolari (CPB) ha creato un suo gruppo e io ho postato sulla bacheca un video per dimostrare quanto sono affollati i treni per andare a Milano.
Ho tirato una prima conclusione, dunque, una settimana fa: il social network funziona sui temi davvero social.

Oggi sono entrata nella fase selettiva. Ho iniziato a cancellare alcuni contatti, quelli "delle persone che se le incontri per strada o in un corridoio o non ti salutano (o non le saluti).
Visto poi che non mi piace l'eccessiva esposizione sulla home page di Facebook di tutto ciò che posto o scrivo a singoli amici del mio network, ho cambiato le impostazioni della privacy.

Forse, finalmente, sto diventando un'utente di Facebook più evoluta .

Il Disinformatico scrive anche questo

17 ottobre 2008

Punti Fineco

Con i punti Fineco Hi-Fi che ho accumulato fino a oggi grazie alle mie spese con VISA non vinco nemmeno la borsa della spesa + portachiavi.

Ancor più difficile la scalata all'asciugacapelli, dovrei come minimo fare un piano di accumulo in fondi (500 punti) o frequentare un corso di trading (100 punti).

Con i tempi che corrono, mi sa che rinuncio all'asciugacapelli.

12 ottobre 2008

Luigi socialite

Oggi pomeriggio Luigi è stato invitato alla sua prima festa di compleanno, gli ospiti erano i figli di Massimiliano (1 e 4 anni).
Tanti bambini, la favola di Hansel e Gretel animata, attrezzi e giochi in uno spazio ad hoc per le feste dei piccoli. Mi è piaciuto osservare Luigi in mezzo agli altri bimbi, quasi attento alla favola e tanto coinvolto dai giochi da non voler più andare via. Insomma, l'ho potuto vedere in un contesto molto simile a quello dell'asilo, ambiente che vivo davvero poco con lui. E mi ha fatto piacere notare che lui ci si trovava tranquillamente a suo agio!




7 ottobre 2008

C'è qualcosa che non torna

LaFeltrinelli per decorare gli scaffali utilizza i volti di scrittori famosi, ma a me, nella sequenza qui sopra, qualcosa non torna... non è eccessivo accostare Andrea De Carlo a Dante?!

5 ottobre 2008

Il vasino

E' presto? Forse, ma sabato mattina ho preso coraggio e ho comprato il vasino, anche se mai avrei pensato di potermi portare a casa un oggetto del genere. Non che pensassi a un pitale d'oro con le iniziali incise, ma neanche a "quel" vasino. Eppure quando la signorina di Prenatal gli ha mostrato i due modelli diponibili, Luigi si è subito appassionato a quello più mostruoso, rumoroso e ingombrante (vedi la foto da catalogo). Il fatto però che ci si sia subito seduto sopra a cavalcioni senza esserne intimorito mi ha persuasa all'acquisto.

Ora mi sto documentando, non ho proprio idea di come iniziare far capire a Luigi a cosa serve quella cosa che per ora lui usa più o meno come un triciclo. Leggo che addirittura l'esimio Brazelton ha dedicato un libro alla pratica, che si intitola Il tuo bambino e... il vasino. Una guida autorevole per insegnare a vostro figlio la pulizia e l'igiene.

Quello che finora ho capito è che serve una grande dosa di pazienza, che i bambini imparano per imitazione (!), per questo sarebbe meglio se avesse un fratello che fa già tutto nel water, che bisognerà gioire la prima volta che Luigi produrrà qualcosa nel vasino.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...