14 maggio 2007

Vita da laghée

Per circa tre mesi io, Luigi e Cesare vivremo più o meno stabilmente a Lierna, su "quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno...", ovvero a pochi chilometri a nord di Lecco. La nostra villeggiatura agevolerà l'andirivieni di Cesare tra Oggiono e Morbegno causa lavoro, mentre io e Luigi passeggeremo alla scoperta delle bellezze lacustri.
Per fortuna sono munita di auto. Lierna non offre molto a una Mamma carrozzina. La nostra casa è posta nella parte alta del paese e la discesa a lago è piuttosto impervia, pur tra carrugi e strette viuzze pedonali. Più che arrivare al paese (che di fatto consiste in una sola piazza e un imbarcadero ancora chiuso) vale la pena di imboccare la via Ducale nei pressi della stazione dei treni. Da qui, in zona pedonale tra villette e giardini alberati, si cammina paralleli alla strada statale e in circa una decina di minuti, deviando in via San Francesco, si arriva alla spiaggia di Lierna.


Riva Bianca è un lido di sassi chiari, molto pittoresco poiché chiuso in un'insenatura presidiata a sud dal minuscolo borgo medievale di Castello. Per le mamme segnalo la presenza di una rampa di accesso, panchine, alberi, un baretto e fondi percorribili con passeggino (meglio se un po' sportivo). Il lido non è organizzato con alcuna struttura, ma nel week end si popola di bagnanti oltre che di anatre e due fastidiose oche bianche.
Intanto, per cominciare la nostra villeggiatura sotto buon auspicio, cito Andrea Vitali, scrittore originario di Bellano, paese lacustre poco distante da qui: "Un luogo è pari a un altro. Come una donna. L'atmosfera fa la differenza. Bisogna innamorarsi per capire." Chissà se io e Luigi capiremo il lago di Como...

1 commento:

sempre io ha detto...

ma che bel posto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...